Vi scrivo questa lettera per………

Così come ci siamo occupati di altre tristi notizie, così ora facciamo con questa lettera che abbiamo trovato su Press News e che pubblichiamo; ovviamente non entriamo nel merito dei motivi che hanno spinto l’imprenditore a scrivere e pubblicare la lettera, nè tanto meno intendiamo verificarne le situazioni personali con Equitalia e Banche, ma intendiamo evidenziare, tramite essa, due dei tanti  problemi di cui tanto si parla e che, in questo momento di forte crisi, sono al centro della preoccupata attenzione delle famiglie e degli imprenditori. Non commentiamo la notizia, ma ci ha colpito in modo evidente anche perchè riteniamo che sia una  fotocopia comume a tante situazioni.

Sono un ex piccolo imprenditore, attualmente senza lavoro, condannato a morire da BANCHE ed EQUITALIA. Ho deciso di pubblicare questa lettera, perche’ la mia condizione e’ vissuta da milioni di persone che per dignita’ o vergogna vivono in silenzio questo dramma e non trovano il coraggio di esternare e denunciare.In questi ultimi anni hob vissuto l’inferno, nel dolore indicibile, che solo chi lo ha vissuto puo’ capirlo. E’ indescrivibile raccontare cio’ che puo’ accadere quando le banche decidono di far morire la tua azienda. Combatti affinche’ cio’ non possa accadere fino all’ultimo respiro. Impegnando ogni tuo risparmio, ogni cosa a te cara, svendendo la merce in magazzino, chiedendo denaro agli usurai, pur di coprire un’assegno e non protestarti. Ma quando ti accorgi che hai fatto il possibile per salvare la tua azienda, lottando come se fosse la vita di un figlio, e non ci riesci perche’ ti rendi conto che lottare contro il crimine degli interessi bancari e’ vano. Allora ti senti svilito, privo di forze, impotente, allora…soccombi. Ti senti perso, trattato come un criminale, come una bestia. Come se tutti sono schierati contro di te, non c’e’ ne istituzione o governante che stia al tuo fianco. Allora ti rendi conto che sei un UOMO SOLO, SOLO E INDIFESO e non bastano le tue lacrime o invocare aiuto a Dio. Vedi crollare pezzo dopo pezzo il lavoro di tanti anni, i tuoi sacrifici……”

per il testo completo CLICCA

One comment on “Vi scrivo questa lettera per………
  1. nicolamario scrive:

    buongiorno Roby,leggo a malincuore quello che stà accadendo al collega ex imprenditore,ma non mi stupisco perchè purtroppo è una situazione nazionale che ne siamo tutti coinvolti,con gli stessi soprusi e le stesse violenze.Ricorderemo qualche anno fà, l’amico autotrasportatore carlo, che ti suggeriva quello che stava accadendo alle piccole imprese,co la speranza forse di uscire dal tunnel dello schiavismo.Purtroppo a distanza di circa sette anni dalle crisi,con rammarico possiamo confermare che il sistema politico italiano ci ha portato alla rovina,facendoci perdere la dignità(non solo di imprenditori),ma anche da essere umani.Il vero dramma di tutta questa realtà,purtroppo siamo noi che continiuamo a convalidare l’esistenza di politici incapaci di governarci e cntinuano ad accarrarsi stipendi da nababbi senza nessun riscontro perla ciddadinanza.Purtroppo per noi piccoli imprenditori l’unico errore fatta nelle vita è stata quella di creare posti di lavoro e ricchezza per le istituzioni e la risposta dei nostri gavernanti è quella che vogliono i nostri beni accumulati con fatiche e sudore nei tempi e sicuramente vorranno anche le nostre vite.Ci sarebbe tante cose da dire ma non mi dilungo oltre e vorrei lanciare un appello,che senza la piccola impresa,il paese muore.Un grandissimo in bocca al lupo al collega con la speranza che qualcuno recepisca,tanto la situazione è uguale per tutti.buona giornata

Lascia una risposta