A Roma per parlare di..LAVORO A TEMPO DETERMINATO, DELOCALIZZAZIONI E WELFARE


Lavoro a tempo determinato, welfare aziendale, formazione continua, costo del lavoro, controllo gestionale, delocalizzazioni. Tutti capitoli attuali, delicati ed analizzati con attenzione, questi i temi affrontati al Convegno della Conflavoro di Roma.

“Una contrattazione a tempo determinato mutata per l’ennesima volta rispetto al recente passato – spiega Roberto Plini – ma anche un capitolo sulle delocalizzazioni tutto da studiare per evitare brutte sorprese se si è beneficiari di incentivi pubblici. Questi sono i due principali e profondi cambiamenti che negli ultimi mesi hanno attraversato il sistema del lavoro italiano, ai quali va aggiunta l’importanza di puntare sempre più sui vantaggi di un welfare aziendale potenziato. E anche su una formazione professionalizzante che sappia qualificare i lavoratori tenendo conto della perenne rivoluzione tecnologica-industriale. Evitando così un appesantimento economico per le imprese fino a sostituire la parola ‘costo’ con la parola ‘investimento’. Perché di questo si tratta, di un investimento”.

“Come presidente di Conflavoro Pmi – sottolinea Plini – conosco bene le esigenze degli imprenditori e dei professionisti della capitale e del Lazio. Il nostro sarà infatti un evento di respiro regionale e di interesse collettivo per il tessuto socio-economico del territorio. A testimoniarlo la collaborazione degli ordini dei commercialisti e degli avvocati, che ringrazio particolarmente per la vicinanza”.

Ma quali sono queste esigenze di chi fa impresa? La conoscenza, gli sgravi, la formazione, il supporto delle istituzioni, appunto. Il bisogno, in definitiva, di sentirsi tutelati e sostenuti in un circolo virtuoso che possa rilanciare il lavoro a beneficio di tutte le parti sociali coinvolte. “Il primo provvedimento del governo Conte e, in particolare, del ministro Di Maio, è stato il decreto dignità. In quel testo – ricorda Plini – poi modificato in parlamento sono contenute molte variazioni al nostro sistema lavoro. Non tutti gli aspetti che lo riguardano sono stati però recepiti con chiarezza dai diretti interessati, ovverosia gli imprenditori e i loro lavoratori. Penso ad esempio alla struttura dei contratti determinati, diventata definitiva e valida per tutti proprio in questi giorni”.

Partecipazione qualificata di relatori, una organizzazione perfetta, un panorama mozzafiato, tantissimi partecipanti ai quali è stato riconosciuto anche un Credito Formativo ed eccezionali i relatori.
Questa in sintesi la giornata di lavori che si è tenuta al Grand Hotel Helio Cabala. In apertura dei lavori, i saluti del grande Presidente di Conflavoro Roma, Roberto Plini, a seguire per la PMIA l’intervento del Segretario Generale Roberto Galanti poi gli altri autorevolissimi relatori (i Professori ordinari di diritto del lavoro Marco Marazza della LUISS e Roberto Romei della Università TRE e Maurizio Centra della commissione Lavoro ODCEC di Roma. A seguire Marco Auricchio, Giuseppe Ametrano, Vincenzo Mazzocco, Michele Farina Vice presidente della Commissione diritto del Lavoro dell’ODCEC.
Presenti il Vice Presidente Nazionale della Conflavoro Graziano Ceglia e il Presidente della Conflavoro di Ascoli e Fermo, Simone Marcelli.
I lavori sono stati “ripresi” da SKY MAGAZIN 879.
L’intervento del Segretario Generale PMIA, alla sua seconda uscita dopo la sua elezione di poche settimane fa, Roberto Galanti si è soffermato a sottolineare alcune criticità nell’autotrasporto in relazione al Lavoro a tempo determinato e maggiormente sulle DELOCALIZZAZIONI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto